Domande e risposte con Simona Halep su Covid-19, non dovendo mettere in allarme ed essere campione di Wimbledon per due anni

Domande e risposte con Simona Halep su Covid-19, non dovendo mettere in allarme ed essere campione di Wimbledon per due anni
segui sportnow.it per tutte le notizie riguardanti il mondo del Tennis Con le rubriche gli approfondimenti e le ultime notizie provenienti dal mondo dei Tennis.

Domande e risposte con Simona Halep su Covid-19, non dovendo mettere in allarme ed essere campione di Wimbledon per due anni

Parlando esclusivamente con il vodcast di Eurosport Tennis Legends, Simona Halep spiega come sta gestendo la pandemia di coronavirus come tennista e i suoi pensieri sulla cancellazione di Wimbledon.
D: Qual è la situazione per te al momento?
Simona Halep: “Beh, al momento in Romania è piuttosto brutta. Tutto è stato cancellato e chiuso. Abbiamo circa 2000 casi e non ci sono così tanti decessi, ma sta peggiorando un po ‘, perché abbiamo molte persone che vengono dall’Italia ed è un po’, sì, non è facile gestire tutto per gli ospedali. Mi stavo preparando. Una settimana prima che chiudessero tutto, mi autoisolavo perché avevo un po ‘paura del virus e di ciò che sentivo dalla Cina e da altri paesi. Non è facile e penso che non lo sia per nessuno. È un momento difficile perché non possiamo uscire, ma accettiamolo, manteniamo la nostra mente positiva perché è la cosa più importante in questi giorni.
“Ad ogni modo, non potevo giocare a Indian Wells perché ero ferito, ma ero così triste nel sentire questa notizia che tutto doveva essere cancellato. A causa di questa situazione, quindi penso che lottiamo; Devo essere sincero Lottiamo, perdiamo il tour, mi manca il tour. Mi mancano i giocatori e tutte le persone coinvolte in tutti i tornei. Posso trarne una cosa positiva. Sono a casa da febbraio e non sono mai stato a casa per così tanto tempo ormai da diversi anni. Ed è una vita diversa, quindi devo solo accettarlo e provare a godermelo. ”

Com’è essere il campione in carica di @Wimbledon in questo momento? @Simona_Halep chatta con @TheBorisBecker, Mats Wilander e Tommy Haas!
➡️ Vodcast di Tennis Legends: https://t.co/wnCKz5oVVz pic.twitter.com/yVgEMMuvvI
– Eurosport UK (@Eurosport_UK) 4 aprile 2020

D: Qual è la tua routine al momento?
SH: “Bene, ho 22 giorni in casa adesso, non sono uscito affatto. L’ho tenuto molto al sicuro perché ho un po ‘paura. E voglio solo rimanere rilassato. Quindi, mi sveglio verso le 10 o le 11.
“È molto bello dormire molto. Nessuna sveglia, nessun programma, quindi mi sveglio. Faccio colazione tardi e poi faccio un po ‘di corsa qui nel complesso. Perché ci è permesso farlo, è una residenza privata.
“Tutto è chiuso ma puoi correre all’aperto. Quindi, sto facendo la corsa e l’allenamento fuori, dal blocco. E poi in casa lavoro sul mio core e sugli altri miei esercizi. Quindi, ogni giorno lavoro e mi sento in forma sì. ”
Q: Ovviamente è deludente non poter difendere il tuo titolo di Wimbledon?
SH: “Sì, lo prendo positivamente, perché ora sono il campione in carica da due anni. Quindi, devo conviverci per un altro anno, quindi è di nuovo una buona cosa. Sono entusiasta di poter giocare la prima partita martedì, penso al Center Court. Quindi, voglio davvero fare questa esperienza. Sarà fantastico di sicuro.

D: Pensi che questa pausa durerà più a lungo di luglio?
SH: “Beh, secondo me sarà più lungo di luglio. Speriamo per gli US Open, ma non è sicuro perché New York sta lottando ora. Non so davvero come sarà dopo essere stato fuori dai tornei per così tanti mesi. Non siamo mai stati in questa situazione, quindi penso che sarà nuovo per tutti. E lotterò di sicuro. Farò fatica a tornare al ritmo. ”
Q: Stai giocando a tennis al momento?
SH: “È il periodo più lungo in cui non ho toccato una racchetta. Non la palla, la racchetta – da Dubai. E voglio continuare così per un altro mese. ”
D: Quali sono i tuoi ricordi di quella finale di Wimbledon dell’anno scorso?
SH: “Beh, sicuramente è stata la migliore partita della mia carriera, non c’è dubbio. Prima della partita mi concentravo solo sui miei ricordi di Singapore, quando l’ho affrontata nei gruppi. Perché in finale … non voglio parlarne. Ero molto concentrato sul farla muovere e sull’essere aggressivo perché sapevo che se avessi fatto qualche passo indietro, non sarei in grado di gestire il suo potere.
“Quindi, ho detto: sull’erba, è la favorita perché ha esperienza e ha affrontato quei momenti molte più volte di me. In realtà, è stata la prima volta per me. E mentalmente ero forte. Ho detto che avevo le mie possibilità e devo provarci. ”
Q: Stai pensando a questo come deludente in termini di carriera nel tennis o è un problema così grande al mondo che non sei egoista?
SH: “È solo un problema mondiale e voglio solo dire che è più sicuro che tutto sia stato cancellato. Non è un piccolo problema, è un grosso problema. E non ci resta che ascoltare quello che dicono, restare a casa ed essere molto al sicuro. Il tennis non è tutto nella mia vita. Certo, ho passato tanti anni in cui è stata una priorità e lo è ancora. Sto facendo tutto il possibile per rimanere in forma, per tornare molto velocemente al ritmo quando tutto ricomincerà.
“Ma no, preferisco restare a casa, aspettare e vedere e quando tutto sarà al sicuro, ricomincerò a viaggiare. Anche se non sono sicuro al 100%, non lascerò la casa, quindi tutto ciò che è stato già deciso è perfetto per me. Anche se mi mancano i tornei, è meglio stare al sicuro e prendere queste decisioni “.

D: Hai ancora in mente uno scenario peggiore per quando giocherai di nuovo a tennis?
SH: “So che lo scenario peggiore nella mia testa è che quest’anno verrà annullato e sì, sono sicuro che supereremo questo periodo se ascoltiamo e restiamo a casa sani e salvi. Ma per il momento, sì, penso che sarà più lungo di luglio “.
D: Su quali parti del tuo gioco cercherai di lavorare?
SH: “La mia pausa più lunga è stata di tre settimane fino a questa pausa. Quindi, non ho davvero quella sensazione / esperienza sapendo com’è dopo una lunga pausa senza giocare. Quindi, non so cosa aspettarmi, ma la cosa più importante nel mio gioco, nel mio – diciamo stile – sono le gambe. Ecco perché continuo a correre, perché devo mantenere i muscoli attivati. Quindi, penso che se mi muovo bene in campo, il tennis andrà bene. ”
Simona Halep parlava esclusivamente di un’edizione speciale del vodcast di Eurosport Tennis Legends insieme a Boris Becker, Mats Wilander e Tommy Haas
Metti Mi piace alla nostra pagina Facebook e seguici su Twitter @ sportnow.

Se sei arrivato fino a questo punto aiutaci in qualche modo condividi l’articolo Domande e risposte con Simona Halep su Covid-19, non dovendo mettere in allarme ed essere campione di Wimbledon per due anni
a te non costa nulla per noi è estremamente importante

Domande e risposte con Simona Halep su Covid-19, non dovendo mettere in allarme ed essere campione di Wimbledon per due anni

Entra nel mondo del Tennis .Sportnow.it è La tua fonte di riferimento per le ultime notizie di Tennis , i momenti salienti del video, i risultati , l’analisi approfondita e il commento degli esperti.

 

Dislaimer Domande e risposte con Simona Halep su Covid-19, non dovendo mettere in allarme ed essere campione di Wimbledon per due anni

Sportnow.it non si rende responsabile delle notizie riportate su questo blog in quanto si occupa solamente di riportare le notizie reperite dalla fonte che in questo articolo specifico è www.tennis,,365.com
Sportnow non è da considerarsi testata giornalistica le notizie qui riportate non hanno nessun taglio opinionistico ma si limitano a riportare tradurre e rendere fruibile in modo completamente gratuito le notizie e le opinioni della fonte.

Qualora il contenuto di qualsiasi articolo leda l’immagine , gli interessi o disturbi chiunque vogliate comunicarlo e spiegarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.

Fonte Domande e risposte con Simona Halep su Covid-19, non dovendo mettere in allarme ed essere campione di Wimbledon per due anni
: www.tennis,,365.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.