L’app Spaces ti consente di utilizzare la realtà virtuale nelle videochiamate con Zoom

L’app Spaces ti consente di utilizzare la realtà virtuale nelle videochiamate con Zoom
segui sportnow.it per tutte le notizie riguardanti il mondo della Tecnologia . Con le rubriche gli approfondimenti e le ultime notizie provenienti dal mondo dei Tecnologia

L’app Spaces ti consente di utilizzare la realtà virtuale nelle videochiamate con Zoom

Al momento in cui ci troviamo, l’uso della videoconferenza per tenere riunioni è aumentato esponenzialmente in tutto il mondo. Con centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo che tengono riunioni virtuali dalle loro case. Allo stesso modo, Spaces è un’app che vuole dare il proprio contributo a queste videoconferenze. È un’applicazione che consente agli utenti di effettuare chiamate di videoconferenza dal vivo nella realtà virtuale. E secondo Uploadvr, usa una videocamera regolabile e una lavagna virtuale.

L’app Spaces è disponibile per il download su PC da questa pagina dopo aver compilato un modulo in cui è necessario fornire varie informazioni. La sua installazione è semplice e, una volta operativa, l’utente si integra in un ambiente con una lavagna e marcatori virtuali, insieme a una telecamera che può essere regolata dagli utenti a piacimento. All’inizio della chiamata, di solito si uniscono gli altri partecipanti. Tuttavia, l’utente che sta utilizzando l’ambiente di realtà virtuale apparirà in esso. Grazie alla webcam virtuale, mostra il suo avatar in un ambiente di realtà virtuale.

L'app Spaces ti consente di utilizzare la realtà virtuale nelle videochiamate con Zoom

Compatibilità dell’app Spaces

L’app Spaces, secondo i suoi creatori, funziona nelle principali società di messaggistica e videoconferenza. Come Zoom, Skype o Google Hangouts, tra gli altri. Gli sviluppatori dello strumento sottolineano che Spaces non è destinato a sostituire gli strumenti progettati per consentire riunioni o chiamate di realtà virtuale.

È piuttosto uno strumento che consente di utilizzare gli strumenti di realtà virtuale in una videochiamata convenzionale, con utenti che non utilizzano la realtà virtuale. Pertanto, ad esempio, la lavagna fornisce un’ulteriore funzione che sarebbe difficile eseguire nella vita reale durante una videochiamata. Con una lavagna fisica e le opzioni di illuminazione fornite da Spaces.

L’installazione dell’app Spaces, come abbiamo detto, è abbastanza semplice. Basta eseguire il file di installazione come amministratore e caricare lo strumento quando si desidera utilizzarlo. Inoltre, nell’app utilizzata per realizzare videoconferenze in ciascun caso. Gli utenti devono selezionare l’opzione corrispondente alla telecamera appropriata come dispositivo video. Questo per garantire che l’applicazione mostri la webcam virtuale e non la webcam effettiva.

Se sei arrivato fino a questo punto aiutaci in qualche modo condividi l’articolo L’app Spaces ti consente di utilizzare la realtà virtuale nelle videochiamate con Zoom
a te non costa nulla per noi è estremamente importante

 

Entra nel mondo della Tecnologia.Sportnow.it è La tua fonte di riferimento per le ultime notizi, non solo relative allo sport.

 

Dislaimer L’app Spaces ti consente di utilizzare la realtà virtuale nelle videochiamate con Zoom

Sportnow.it non si rende responsabile delle notizie riportate su questo blog in quanto si occupa solamente di riportare le notizie reperite dalla fonte che in questo articolo specifico è gischina,com
Sportnow non è da considerarsi testata giornalistica le notizie qui riportate non hanno nessun taglio opinionistico ma si limitano a riportare tradurre e rendere fruibile in modo completamente gratuito le notizie e le opinioni della fonte.

Qualora il contenuto di qualsiasi articolo leda l’immagine , gli interessi o disturbi chiunque vogliate comunicarlo e spiegarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.

Fonte L’app Spaces ti consente di utilizzare la realtà virtuale nelle videochiamate con Zoom
: gischina,com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.