Lucas Di Grassi: la Formula E è “correre per un motivo”

Lucas Di Grassi: la Formula E è “correre per un motivo”
segui sportnow.it per tutte le notizie riguardanti il mondo della formula 1. Con le rubriche gli approfondimenti e le ultime notizie provenienti dal mondo dei motori.

Lucas Di Grassi: la Formula E è “correre per un motivo”

Data di pubblicazione: 22 aprile 2020

La Formula E, rivale in crescita della F1 per i fan e l’immagine delle pubbliche relazioni, “corre per un motivo” secondo il pilota Audi Lucas di Grassi.
La Formula E, una serie di corse elettriche, è entrata in scena nel 2014, attirando nomi da tutto il mondo delle corse, compresi gli ex piloti di F1.
Uno di questi è stato Di Grassi, vincitore della serie 2016/17.
Da allora la FIA ha ottenuto lo status di Campionato mondiale dalla FIA con artisti del calibro di Mercedes e Porsche che si uniscono al mix.
La serie di corse in più rapida crescita al mondo, Di Grassi afferma che la Formula E non è solo una passione per le corse.
“Sono fermamente convinto che la sostenibilità nel nostro mondo debba basarsi su tecnologia e innovazione”, ha scritto Di Grassi in una colonna per il sito Web ufficiale di Formula E. “La minaccia del riscaldamento globale è così lontana per molte persone che hanno bisogno di vedere un vero beneficio nel cambiare il loro comportamento.
“Le auto elettriche soddisfano perfettamente questi requisiti: stanno diventando sempre più economiche, e allo stesso tempo sempre più sostenibili – una situazione vantaggiosa per tutti che non implica alcuna restrizione in termini di vita personale.
“Quando Alejandro Agag ha fondato la Formula E circa otto anni fa e l’ha portata in vita, questo sviluppo era già all’orizzonte. Ecco perché ci ho creduto fin dall’inizio e vedendolo oggi, sei anni dopo, che si è verificata esattamente questa situazione: le auto con motori a combustione stanno diventando superflue “.
Ha aggiunto: “Sono un pilota con passione. Ciò che rende la Formula E così speciale per me: è “Racing for a Reason”. Insieme alla Formula E e all’Audi, ho spesso l’opportunità di immergermi in altri mondi, di imparare e di incontrare persone che lavorano per un mondo migliore nel loro campo.
“Un viaggio in India, in collaborazione con le Nazioni Unite, mi ha aperto gli occhi alle preoccupazioni, ma anche al potere innovativo di queste persone. O una visita al più grande complesso di energia solare del mondo prima della nostra corsa a Marrakech: è stato travolgente vedere come sta cambiando un paese completamente dipendente dall’importazione di combustibili fossili ed è ora un pioniere di grandi tecnologie.
“Molto raggiunto, molto più avanti di noi. Mentre guardiamo al futuro della Formula E, spero che la serie continuerà a essere leader nelle nuove tecnologie e innovazioni.
“Questo vale per l’elettrificazione della catena cinematica, che deve sempre rimanere rilevante per la produzione commerciale, nonché per i nuovi concetti che integreranno ancora di più i fan nella Formula E. Dovrebbero diventare parte di questa piattaforma digitale, dentro e fuori dai binari .
“Ovunque andiamo, vogliamo mostrare alle persone che le auto elettriche sono veloci, dinamiche, sexy, disponibili – e sono il modo migliore per mostrare alle generazioni future un mondo diverso, non solo in mesi come questi.”
Seguici su Twitter @ sportnow e metti mi piace alla nostra pagina Facebook.

 

    
    
    

 

Se sei arrivato fino a questo punto aiutaci in qualche modo condividi l’articolo Lucas Di Grassi: la Formula E è “correre per un motivo”
a te non costa nulla per noi è estremamente importante

Lucas Di Grassi: la Formula E è "correre per un motivo"

Entra nel mondo della Formula 1 .Sportnow.it è La tua fonte di riferimento per le ultime notizie di F1 , i momenti salienti del video, i risultati GP, i tempi in tempo reale, l’analisi approfondita e il commento degli esperti.

La Formula 1 o Formula Uno, in sigla F1, è la massima categoria (in termini prestazionali) di vetture monoposto a ruote scoperte da corsa su circuito definita dalla Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA).

La categoria è nata nel 1948 (in sostituzione della Formula A, a sua volta sorta solo qualche anno prima, nel 1946), diventando poi a carattere mondiale nella stagione 1950. Inizialmente definita dalla Commissione Sportiva Internazionale (CSI) dell’Associazione Internazionale degli Automobil Club Riconosciuti (AIACR), associazione antesignana della Federazione Internazionale dell’Automobile, oggi la Formula Uno è regolata dal Consiglio Mondiale degli Sport Motoristici (in inglese: World Motor Sport Council, WMSC) della FIA.

Il termine “formula”, presente nel nome, fa riferimento a un insieme di regole alle quali tutti i partecipanti, le macchine e i piloti, devono adeguarsi; esse introducono un numero di restrizioni e specifiche nelle auto, al fine di evitare le eccessive disparità tecniche tra le auto, di porre dei limiti al loro sviluppo e di ridurre i rischi di incidenti. La formula ha avuto molti cambiamenti durante la sua storia. Ad esempio, ci sono stati differenti tipi di motori, con schemi da quattro fino a sedici cilindri e con cilindrate da 1,5 a 4,5 

Dislaimer Lucas Di Grassi: la Formula E è “correre per un motivo”

Sportnow.it non si rende responsabile delle notizie riportate su questo blog in quanto si occupa solamente di riportare le notizie reperite dalla fonte che in questo articolo specifico è plan€tf1,com
Sportnow non è da considerarsi testata giornalistica le notizie qui riportate non hanno nessun taglio opinionistico ma si limitano a riportare tradurre e rendere fruibile in modo completamente gratuito le notizie e le opinioni della fonte.

Qualora il contenuto di qualsiasi articolo leda l’immagine , gli interessi o disturbi chiunque vogliate comunicarlo e spiegarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.

Fonte Lucas Di Grassi: la Formula E è “correre per un motivo”
: plan€tf1,com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.